Liturgia del 6 Giugno 2018

 
 

Mercoledì della IX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Seconda lettera di san Paolo apostolo a Timoteo 1,1-3.6-12.


Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, per annunziare la promessa della vita in Cristo Gesù,
al diletto figlio Timòteo: grazia, misericordia e pace da parte di Dio Padre e di Cristo Gesù Signore nostro.
Ringrazio Dio, che io servo con coscienza pura come i miei antenati, ricordandomi sempre di te nelle mie preghiere, notte e giorno;
Per questo motivo ti ricordo di ravvivare il dono di Dio che è in te per l’imposizione delle mie mani.
Dio infatti non ci ha dato uno Spirito di timidezza, ma di forza, di amore e di saggezza.
Non vergognarti dunque della testimonianza da rendere al Signore nostro, né di me, che sono in carcere per lui; ma soffri anche tu insieme con me per il vangelo, aiutato dalla forza di Dio.
Egli infatti ci ha salvati e ci ha chiamati con una vocazione santa, non già in base alle nostre opere, ma secondo il suo proposito e la sua grazia; grazia che ci è stata data in Cristo Gesù fin dall’eternità,
ma è stata rivelata solo ora con l’apparizione del salvatore nostro Cristo Gesù, che ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita e l’immortalità per mezzo del vangelo,
del quale io sono stato costituito araldo, apostolo e maestro.
È questa la causa dei mali che soffro, ma non me ne vergogno: so infatti a chi ho creduto e son convinto che egli è capace di conservare il mio deposito fino a quel giorno.

Salmi 123(122),1-2a.2bcd.


A te levo i miei occhi,

a te che abiti nei cieli.
Ecco, come gli occhi dei servi

alla mano dei loro padroni;
come gli occhi della schiava,

alla mano della sua padrona,

così i nostri occhi

sono rivolti al Signore nostro Dio,
finché abbia pietà di noi.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 12,18-27.


In quel tempo, vennero a Gesù dei sadducei, i quali dicono che non c’è risurrezione, e lo interrogarono dicendo:
«Maestro, Mosè ci ha lasciato scritto che se muore il fratello di uno e lascia la moglie senza figli, il fratello ne prenda la moglie per dare discendenti al fratello.
C’erano sette fratelli: il primo prese moglie e morì senza lasciare discendenza;
allora la prese il secondo, ma morì senza lasciare discendenza; e il terzo egualmente,
e nessuno dei sette lasciò discendenza. Infine, dopo tutti, morì anche la donna.
Nella risurrezione, quando risorgeranno, a chi di loro apparterrà la donna? Poiché in sette l’hanno avuta come moglie».
Rispose loro Gesù: «Non siete voi forse in errore dal momento che non conoscete le Scritture, né la potenza di Dio?
Quando risusciteranno dai morti, infatti, non prenderanno moglie né marito, ma saranno come angeli nei cieli.
A riguardo poi dei morti che devono risorgere, non avete letto nel libro di Mosè, a proposito del roveto, come Dio gli parlò dicendo: Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e di Giacobbe?
Non è un Dio dei morti ma dei viventi! Voi siete in grande errore».

Santi del giorno

S. Norbert von Xanten, vescovo e fondatore (1085-1134)
S. Rafael Guízar Y Valencia, vescovo (1878-1938)
S. Marcelin Champagnat (F), presbitero et fond. (1789-1840)
S. Gerardo dei Tintori, Patrono secondario di Monza (? 1207)
SS. Artemio e Paolina, sposi e martiri (? sec. inc.)
S. Bessarione, anacoreta (? sec. IV)
S.Cérase (Cerazio) di Grenogle (F), vescovo (? ca. 452)
S. Eustorgio II di Milano, vescovo (? 518)
S. Iarlath, vescovo in Irlanda (? ca. 550)
S. Claude di Condat (F), abate-vescovo (? ca. 703)
S. Alessandro, vescovo di Fiesole e martire (? 823)
S. Ilarione, sacerdote ed egúmeno (? 845)
S. Colmán, vescovo in Scozia (? ca. 1010)
B. Falcone, abate di Cava de’ Tirreni (? 1146)
S. Gilbert di Clermont-Ferrand (F), abate O.Praem. (? 1152)
B. Bertrando, vescovo di Aquileia e martire (? 1350)
B. Lorenzo de Masculis, sacerdote O.F.M. (? 1535)
B. William Greenwood, sacerdote e martire (? 1537)
SS. Pietro Dung, Pietro Thuân, pescatori e martiri (? 1862)
S. Vincenzo Duong, contadino e martire in Viet Nam (? 1862)
B. Innocenty Guz,  sac. O.F.M. Conv. e martire (1890-1940)