Liturgia del 12 Giugno 2018

 
 

Martedì della X settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Primo libro dei Re 17,7-16.


In quei giorni, il torrente dove si era nascoto Elia si seccò, perché non pioveva sulla regione.
Il Signore parlò a lui e disse:
“Alzati, và in Zarepta di Sidòne e ivi stabilisciti. Ecco io ho dato ordine a una vedova di là per il tuo cibo”.
Egli si alzò e andò a Zarepta. Entrato nella porta della città, ecco una vedova raccoglieva la legna. La chiamò e le disse: “Prendimi un pò d’acqua in un vaso perché io possa bere”.
Mentre quella andava a prenderla, le gridò: “Prendimi anche un pezzo di pane”.
Quella rispose: “Per la vita del Signore tuo Dio, non ho nulla di cotto, ma solo un pugno di farina nella giara e un pò di olio nell’orcio; ora raccolgo due pezzi di legna, dopo andrò a cuocerla per me e per mio figlio: la mangeremo e poi moriremo”.
Elia le disse: “Non temere; su, fà come hai detto, ma prepara prima una piccola focaccia per me e portamela; quindi ne preparerai per te e per tuo figlio,
poiché dice il Signore: La farina della giara non si esaurirà e l’orcio dell’olio non si svuoterà finché il Signore non farà piovere sulla terra”.
Quella andò e fece come aveva detto Elia. Mangiarono essa, lui e il figlio di lei per diversi giorni.
La farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì, secondo la parola che il Signore aveva pronunziata per mezzo di Elia.

Salmi 4,2-3.4-5.7-8.


Quando ti invoco, rispondimi, Dio, mia giustizia:

dalle angosce mi hai liberato;

pietà di me, ascolta la mia preghiera.
Fino a quando, o uomini, sarete duri di cuore?

Perché amate cose vane

e cercate la menzogna?

Sappiate che il Signore fa prodigi per il suo fedele:

il Signore mi ascolta quando lo invoco.
Tremate e non peccate,

sul vostro giaciglio riflettete e placatevi.

Molti dicono: “Chi ci farà vedere il bene?”.

Risplenda su di noi, Signore, la luce del tuo volto.
Hai messo più gioia nel mio cuore

di quando abbondano vino e frumento.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,13-16.


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: ” Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte,
né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa.
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli.”

Santi del giorno

S. Gaspare Bertoni, sacerdote e fondatore (1777-1853)
B. Lorenzo Maria Salvi, sacerdote C.P. (1782-1856)
B. Maria Candida dell’Eucaristia, carmelitana s. (1884-1949)
B. Antonia Maria Verna, vergine e fondatrice (1773-1838)
B. Anicet Koplinski, sac. O.F.M. Cap. e martire (? 1941)
S. Basílide, martire presso Roma (? sec. inc.)
S. Onofrio, anacoreta in Egitto (? ca. 400)
S. Leone III, Papa (96°) dal 795 all’816
S. Odolfo, sacerdote a Utrecht in Olanda (? ca. 865)
S. Eskil, vescovo e martire in Svezia (? ca. 1038)
B. Guido da Cortona, sacerdote O.F.M. (1185/90-1245)
B. Placido di Ocre (Abruzzo), abate (? 1248)
B. Florida (Lucrezia Elena) Cevoli, badessa (1685-1767)
B. Stefano Bandelli, sacerdote O.P. (1369-1450)
B. Mercedes de Jesús Molina, fondatrice (1828-1883)  
B. Symforian Ducki, religioso OFM Cap e martire (1888-1942)
S. Juan da Sahagún (E), sacerdote  O.E.S.A. (1430-1479)