Liturgia del 15 Giugno 2018

 
 

Venerdì della X settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Primo libro dei Re 19,9.11-16.


Ivi entrò in una caverna per passarvi la notte, quand’ecco il Signore gli disse: “Che fai qui, Elia?”.
Ed ecco gli fu rivolta la parola del Signore: “Esci e fermati sul monte alla presenza del Signore”. Ecco, il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto.
Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero.
Come l’udì, Elia si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all’ingresso della caverna. Ed ecco, sentì una voce che gli diceva: “Che fai qui, Elia?”.
Egli rispose: “Sono pieno di zelo per il Signore, Dio degli eserciti, poiché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, hanno demolito i tuoi altari, hanno ucciso di spada i tuoi profeti. Sono rimasto solo ed essi tentano di togliermi la vita”.
Il Signore gli disse: “Su, ritorna sui tuoi passi verso il deserto di Damasco; giunto là, ungerai Hazaèl come re di Aram.
Poi ungerai Ieu, figlio di Nimsi, come re di Israele e ungerai Eliseo figlio di Safàt, di Abel-Mecola, come profeta al tuo posto”.

Salmi 27(26),7-8a.8b-9abc.13-14.


Ascolta, Signore, la mia voce.

Io grido: abbi pietà di me! Rispondimi.
Di te ha detto il mio cuore:
Il tuo volto, Signore, io cerco.

Non nascondermi il tuo volto,
non respingere con ira il tuo servo.
Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi,
Sono certo di contemplare la bontà del Signore

nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte,

si rinfranchi il tuo cuore e spera nel Signore.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,27-32.


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio;
ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha gia commesso adulterio con lei nel suo cuore.
Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna.
E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.
Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto di ripudio;
ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all’adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».

Santi del giorno

B. Clemente Vismara, missionario in Birmania (1897-1988)
B. Luigi Maria Palazzolo, sac. e fondatore (1827-1886)
S. Germaine Cousin de Pibrac (F), vergine (1579-1601)
B. Albertina Berkenbrock, vergine e martire (1919-1931)
S. Amos, profeta (sec. VIII a.C.)
S. Esichio di Silistra, soldato e martire (? ca. 302)
S. Vito, adolescente  martire (? 303)
S. Abramo, monaco in Auvergne in Francia (? 480 cc)
S. Landelin(o), abate a Crespin in Francia (? ca. 686)
S. Lothaire (Lotario) di Sées (F), vescovo (? 756)
S. Benilde di Córdoba, martire (? 853)
S. Bernardo da Mentone, arcidiacono di Aosta (? 1081)
S. Isfrido di Ratzeburg (D), vescovo (? 1204)
B. Thomas Scryven, monaco O. Cart. e martire (? 1537)
BB. Peter Snow e Ralph Grimston, martiri (? 1598)
S. Barbara Cui Lianzhi, martire in Cina (? 1900)