Liturgia del 8 Luglio 2018

 
 

XIV Domenica del Tempo Ordinario

Libro di Ezechiele 2,2-5.


In quei giorni, uno spirito entrò in me, mi fece alzare in piedi e io ascoltai colui che mi parlava.
Mi disse: “Figlio dell’uomo, io ti mando agli Israeliti, a un popolo di ribelli, che si sono rivoltati contro di me. Essi e i loro padri hanno peccato contro di me fino ad oggi.
Quelli ai quali ti mando sono figli testardi e dal cuore indurito. Tu dirai loro: Dice il Signore Dio.
Ascoltino o non ascoltino – perché sono una genìa di ribelli – sapranno almeno che un profeta si trova in mezzo a loro.”

Salmi 123(122),1-2a.2bcd.3-4.


A te levo i miei occhi,

a te che abiti nei cieli.
Ecco, come gli occhi dei servi

alla mano dei loro padroni;

come gli occhi della schiava,

alla mano della sua padrona,
così i nostri occhi

sono rivolti al Signore nostro Dio,
finché abbia pietà di noi.

Pietà di noi, Signore, pietà di noi,

già troppo ci hanno colmato di scherni,
noi siamo troppo sazi degli scherni dei gaudenti,

del disprezzo dei superbi.

Seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corinti 12,7-10.


Perché non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi, perché io non vada in superbia.
A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l’allontanasse da me.
Ed egli mi ha detto: “Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza”. Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo.
Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 6,1-6.


In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i discepoli lo seguirono.
Venuto il sabato, incominciò a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: «Donde gli vengono queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani?
Non è costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?». E si scandalizzavano di lui.
Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua».
E non vi potè operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì.
E si meravigliava della loro incredulità. Gesù andava attorno per i villaggi, insegnando.

Santi del giorno

SS. Aquila e Priscilla, esempio di coppia cristiana
B. Pierre (Pietro) Vigne, «missionario itinerante» (? 1740)
S. Gliceria, martire in Tracia (? sec. inc.)
S. Procopio di Cesarea di Palestina, martire (? 303)
S. Pancrazio, vescovo di Taormina e martire (? sec. I)
S. Auspice (Auspicio) di Toul (F), vescovo (? sec. V)
S. Disibódo, eremita in Germania (? sec. V)
S. Landrada, badessa a Belsen in Belgio  (? 690)
S. Chiliano, vescovo e martire in Germania (644-689)
SS. Monaci Abramiti, martiri a Costantinopoli (? 840)
S. Adriano III, Papa (109°) dall’884 all’885
B. Eugenio III, Papa (165°) dal 1145 al 1153
B. Mancio Araki, martire in Giappone (? 1626)
S. Giovanni Wu Wenyin, catechista e martire (? 1900)