Liturgia del 25 Luglio 2018

 
 

San Giacomo, detto il maggiore, apostolo, festa

Seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corinti 4,7-15.


Fratelli, noi abbiamo un tesoro in vasi di creta, perché appaia che questa potenza straordinaria viene da Dio e non da noi.
Siamo infatti tribolati da ogni parte, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati;
perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi,
portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo.
Sempre infatti, noi che siamo vivi, veniamo esposti alla morte a causa di Gesù, perché anche la vita di Gesù sia manifesta nella nostra carne mortale.
Di modo che in noi opera la morte, ma in voi la vita.
Animati tuttavia da quello stesso spirito di fede di cui sta scritto: Ho creduto, perciò ho parlato, anche noi crediamo e perciò parliamo,
convinti che colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù e ci porrà accanto a lui insieme con voi.
Tutto infatti è per voi, perché la grazia, ancora più abbondante ad opera di un maggior numero, moltiplichi l’inno di lode alla gloria di Dio.

Salmi 126(125),1-2ab.2cd-3.4-5.6.


Quando il Signore ricondusse i prigionieri di Sion,

ci sembrava di sognare.
Allora la nostra bocca si aprì al sorriso,
la nostra lingua si sciolse in canti di gioia.

Allora si diceva tra i popoli:
“Il Signore ha fatto grandi cose per loro”.
Grandi cose ha fatto il Signore per noi,

ci ha colmati di gioia.

Riconduci, Signore, i nostri prigionieri,

come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime

mieterà con giubilo.

Nell’andare, se ne va e piange,

portando la semente da gettare,

ma nel tornare, viene con giubilo,

portando i suoi covoni.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 20,20-28.


In quel tempo si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa.
Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Dì che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno».
Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo».
Ed egli soggiunse: «Il mio calice lo berrete; però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma è per coloro per i quali è stato preparato dal Padre mio».
Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono con i due fratelli;
ma Gesù, chiamatili a sé, disse: «I capi delle nazioni, voi lo sapete, dominano su di esse e i grandi esercitano su di esse il potere.
Non così dovrà essere tra voi; ma colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo,
e colui che vorrà essere il primo tra voi, si farà vostro schiavo;
appunto come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti».

Santi del giorno

S. Giacomo il Maggiore, 1° apostolo martire
B. Ángel Darío Acosta Zurita, sac. e martire (1908-1931)
S. María del Carmen Sallés, fondatrice (1848-1911)
S. Cristoforo, martire in Licia (? ca. 250)
S. Cucufate, martire a Barcellona (? sec. IV),
SS. Valentina, Tea e Paolo, martiri in Palestina (? 309)
S. Olimpiade di Nicomedia, giovane vedova (? 408)
S. Magnerico di Treviri (D), vescovo (? 596)
SS. Beato e Santo, sacerdoti ed eremiti (? VIe s.)
S. Glodesinda di Metz, badessa (? sec. VI)
S. Teodemiro, monaco e martire a Cordoba (? 851)
S. Jean Soreth, sac. dell?Ordine dei Carmelitani (? 1491)
B. Pietro Corradini da Mogliano, sacerdote O.F.M. (1435-1490)
BB. Martiri di Salsete (India), sac. e rel. gesuiti (? 1583)
B. Antonio Lucci, vescovo O.F.M. Conv. (1682-1752)
B. Michel-Louis Brulard, sac. e martire in Francia (1758-1794)
B. Felix Ugalde Irurzun, sacerdote C.P., martire (1915-1936)
B. Benito Solano Ruiz, religioso C.P. e martire (1915-1936)
B. Pedro Largo Redondo, sacerdote C.P. e martire (1907-1936)
BB. Martiri (4) di Talavera de la Reina (? 1936)
B. Dionigi Pamplona e 12 compagni S.P., martiri (? 1936)
BB. Martiri di Granada (? 1936)
B. Mieczys?awa Kowalska, vergine e martire (1902-1941)