Liturgia del 6 Agosto 2018

 
 

Trasfigurazione del Signore, festa

Libro di Daniele 7,9-10.13-14.


Io continuavo a guardare, quand’ecco furono collocati troni e un vegliardo si assise. La sua veste era candida come la neve e i capelli del suo capo erano candidi come la lana; il suo trono era come vampe di fuoco con le ruote come fuoco ardente.
Un fiume di fuoco scendeva dinanzi a lui, mille migliaia lo servivano e diecimila miriadi lo assistevano. La corte sedette e i libri furono aperti.
Guardando ancora nelle visioni notturne, ecco apparire, sulle nubi del cielo, uno, simile ad un figlio di uomo; giunse fino al vegliardo e fu presentato a lui,
che gli diede potere, gloria e regno; tutti i popoli, nazioni e lingue lo servivano; il suo potere è un potere eterno, che non tramonta mai, e il suo regno è tale che non sarà mai distrutto.

Salmi 97(96),1-2.5-6.9.


Il Signore regna, esulti la terra,

gioiscano le isole tutte.
Nubi e tenebre lo avvolgono,

giustizia e diritto sono la base del suo trono.

I monti fondono come cera davanti al Signore,

davanti al Signore di tutta la terra.
I cieli annunziano la sua giustizia

e tutti i popoli contemplano la sua gloria.

Tu sei, Signore,

l’Altissimo su tutta la terra,

tu sei eccelso sopra tutti gli dei.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 9,2-10.


In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro
e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche.
E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù.
Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi stare qui; facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia!».
Non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento.
Poi si formò una nube che li avvolse nell’ombra e uscì una voce dalla nube: «Questi è il Figlio mio prediletto; ascoltatelo!».
E subito guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare a nessuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risuscitato dai morti.
Ed essi tennero per sé la cosa, domandandosi però che cosa volesse dire risuscitare dai morti.

Santi del giorno

B. Maria Francesca di Gesù, vergine e fond. (1844-1904)
B. Tadeusz (Taddeo) Dulny, seminarista e martire (1914-1942)
SS. Giusto e Pastore, fanciulli e martiri in Spagna (? 304)
S. Ormisda, Papa (52°) dal 514 al 523
B. Ottaviano, vescovo e fratello di Pp Callisto II (? 1132)
B. Gezzelino, eremita in Lussemburgo (? 1138)
B. Carlos López Vidal, sacrestano e martire (1834-1936)