Liturgia del 23 Agosto 2018

 
 

Giovedì della XX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Libro di Ezechiele 36,23-28.


Cosi dice il Signore: “Santificherò il mio nome grande, disonorato fra le genti, profanato da voi in mezzo a loro. Allora le genti sapranno che io sono il Signore – parola del Signore Dio – quando mostrerò la mia santità in voi davanti ai loro occhi.
Vi prenderò dalle genti, vi radunerò da ogni terra e vi condurrò sul vostro suolo.
Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre sozzure e da tutti i vostri idoli;
vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne.
Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo i miei statuti e vi farò osservare e mettere in pratica le mie leggi.
Abiterete nella terra che io diedi ai vostri padri; voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio.”

Salmi 51(50),12-13.14-15.18-19.


Crea in me, o Dio, un cuore puro,

rinnova in me uno spirito saldo.
Non respingermi dalla tua presenza

e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia di essere salvato,

sostieni in me un animo generoso.
Insegnerò agli erranti le tue vie

e i peccatori a te ritorneranno.

Tu non gradisci il sacrificio

e, se offro olocausti, non li accetti.
Uno spirito contrito è sacrificio a Dio,

un cuore affranto e umiliato, Dio, tu non disprezzi.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 22,1-14.


In quel tempo, rispondendo Gesù riprese a parlare in parabole ai principi dei sacerdoti e agli anziani del popolo e disse:
«Il regno dei cieli è simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio.
Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non vollero venire.
Di nuovo mandò altri servi a dire: Ecco ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e i miei animali ingrassati sono gia macellati e tutto è pronto; venite alle nozze.
Ma costoro non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari;
altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero.
Allora il re si indignò e, mandate le sue truppe, uccise quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.
Poi disse ai suoi servi: Il banchetto nuziale è pronto, ma gli invitati non ne erano degni;
andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze.
Usciti nelle strade, quei servi raccolsero quanti ne trovarono, buoni e cattivi, e la sala si riempì di commensali.
Il re entrò per vedere i commensali e, scorto un tale che non indossava l’abito nuziale,
gli disse: Amico, come hai potuto entrare qui senz’abito nuziale? Ed egli ammutolì.
Allora il re ordinò ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti.
Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

Santi del giorno

S. Rosa da Lima (Isabel Flores de Oliva), virgo (1586-1617)
B. Jean Bourdon da Séez (F), O.F.M. Cap. e mart. (1747-1794)
B. Corrado da Offida, sacerdote O.F.M. (1241-1306)
S. Zaccheo, quinto vescovo di Gerusalemme (? 116)
SS. Abbondio e Ireneo, martiri (? sec. inc.)
SS. Ciriaco e Archelao, martiri (? sec. inc.)
S. Lupo, martire a Novi, in Mesia Inferiore (? sec. inc.)
SS. Claudio, Asterio e Neone, fratelli e martiri (? 303)
S. Flaviano (o Flavio) di Autun (F), vescovo (? sec. V/VI)
S. Eoghan (Eugenio) di Ardstraw (IRL), 1° vescovo (? s. VI)
S. Antonio di Gerace, eremita (? sec. X)
B. Ramón Grimaltós, religioso S.J. e martire (1887-1936)
B. Pedro Gelabert Amer, religioso S.J. e martire (1887-1936)
B. Constantino Carbonell, sac. S.J. e martire (1866-1936)
B. Urbano Gil Sáez, religioso e martire (1901-1936)
B. Florentín Pérez Romero, sacerdote e martire (1904-1936)
B. Mariano Juan Maria de la Cruz, sac. e martire (1891-1936)
BB. Rosaria Quintana e Serafina Fernandez, martiri (? 1936)
B. Franciszek Dachtera, presbitero e martire (1910-1944)