Liturgia del 25 Agosto 2018

 
 

Sabato della XX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Libro di Ezechiele 43,1-7a.


L‘angelo mi condusse verso la porta che guarda a oriente
ed ecco che la gloria del Dio d’Israele giungeva dalla via orientale e il suo rumore era come il rumore delle grandi acque e la terra risplendeva della sua gloria.
La visione che io vidi era simile a quella che avevo vista quando andai per distruggere la città e simile a quella che avevo vista presso il canale Chebàr. Io caddi con la faccia a terra.
La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a oriente.
Lo spirito mi prese e mi condusse nell’atrio interno: ecco, la gloria del Signore riempiva il tempio.
Mentre quell’uomo stava in piedi accanto a me, sentii che qualcuno entro il tempio mi parlava
e mi diceva: “Figlio dell’uomo, questo è il luogo del mio trono e il luogo dove posano i miei piedi, dove io abiterò in mezzo agli Israeliti, per sempre.”

Salmi 85(84),9ab-10.11-12.13-14.


Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annunzia la pace per il suo popolo, per i suoi fedeli.
La sua salvezza è vicina a chi lo teme

e la sua gloria abiterà la nostra terra.

Misericordia e verità s’incontreranno,

giustizia e pace si baceranno.
La verità germoglierà dalla terra

e la giustizia si affaccerà dal cielo.

Quando il Signore elargirà il suo bene,

la nostra terra darà il suo frutto.
Davanti a lui camminerà la giustizia

e sulla via dei suoi passi la salvezza.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 23,1-12.


In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei.
Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno.
Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito.
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filattèri e allungano le frange;
amano posti d’onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe
e i saluti nelle piazze, come anche sentirsi chiamare “rabbì”dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli.
E non chiamate nessuno “padre” sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo.
E non fatevi chiamare “maestri”, perché uno solo è il vostro Maestro, il Cristo.
Il più grande tra voi sia vostro servo;
chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà innalzato.»

Santi del giorno

S. José de Calasanz, sacerdote e fondatore (1557-1648)
B. Alessandro Dordi, missionario e martire in Perù (? 1991)
B. Maria Troncatti, suora missionaria F.M.A. (1883-1969)
B. Luigi Bordino, religioso cottolenghino (1922-1977)
B. María del Tránsito de Jesús S., virgo e fond. (1821-1885)
S. Ludovico (Luigi IX), re di Francia (1215-1270)
SS. Eusebio,Ponziano,Vincenzo e Pellegrino,martiri (? s. II)
S. Genès (Genesio) di Arles (F), martire (? ca. 303)
S. Geroncio (Geronzio) di Itálica (E), vescovo (? sec. IV)
S. Sever(o) di Agde (F), abate  (? ca. 500)
S. Mena, patriarca di Costantinopoli (? 552)
S. Yrieix (Aredio) di Limoges (F), abate (? 591)
S. Gregorio di Utrecht (NL), abate e vescovo (? 775)
S. Thomas Cantelupe, vescovo di Hereford, Inghilterra (1282)
B. Pedro Vázquez, presbítero O.P. e martire (1590-1624)
BB. Luis Sotelo, Sasanda, Baba, O.F.M. e martiri (? 1624)
B. Miguel Carvalho, presbítero S.J. e martire (1577-1624)
B. Paul-Jean Charles, presbitero e martire (1743-1794)
B. Luis Urbano Lanaspa, sacerdote O.P. e martire (1882-1936)