Liturgia del 26 Agosto 2018

 
 

XXI Domenica del Tempo Ordinario

Libro di Giosuè 24,1-2a.15-17.18b.


Giosuè radunò tutte le tribù d’Israele in Sichem e convocò gli anziani d’Israele, i capi, i giudici e gli scribi del popolo, che si presentarono davanti a Dio.
Giosuè disse a tutto il popolo: “Dice il Signore, Dio d’Israele: I vostri padri, come Terach padre di Abramo e padre di Nacor, abitarono dai tempi antichi oltre il fiume e servirono altri dei.
Se vi dispiace di servire il Signore, scegliete oggi chi volete servire: se gli dei che i vostri padri servirono oltre il fiume oppure gli dei degli Amorrèi, nel paese dei quali abitate. Quanto a me e alla mia casa, vogliamo servire il Signore”.
Allora il popolo rispose e disse: “Lungi da noi l’abbandonare il Signore per servire altri dei!
Poiché il Signore nostro Dio ha fatto uscire noi e i padri nostri dal paese d’Egitto, dalla condizione servile, ha compiuto quei grandi miracoli dinanzi agli occhi nostri e ci ha protetti per tutto il viaggio che abbiamo fatto e in mezzo a tutti i popoli fra i quali siamo passati.
Il Signore ha scacciato dinanzi a noi tutti questi popoli e gli Amorrèi che abitavano il paese. Perciò anche noi vogliamo servire il Signore, perché Egli è il nostro Dio”.

Salmi 34(33),2-3.16-17.18-19.20-21.22-23.


Benedirò il Signore in ogni tempo,

sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore,

ascoltino gli umili e si rallegrino.

Gli occhi del Signore sui giusti,

i suoi orecchi al loro grido di aiuto.
Il volto del Signore contro i malfattori,

per cancellarne dalla terra il ricordo.

Gridano e il Signore li ascolta,

li salva da tutte le loro angosce.
Il Signore è vicino a chi ha il cuore ferito,

egli salva gli spiriti affranti.

Molte sono le sventure del giusto,

ma lo libera da tutte il Signore.
Preserva tutte le sue ossa,

neppure uno sarà spezzato.

La malizia uccide l’empio

e chi odia il giusto sarà punito.
Il Signore riscatta la vita dei suoi servi,

chi in lui si rifugia non sarà condannato.

Lettera di san Paolo apostolo agli Efesini 5,21-32.


Fratelli, siate sottomessi gli uni agli altri nel timore di Cristo.
Le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore;
il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo.
E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto.
E voi, mariti, amate le vostre mogli, come Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei,
per renderla santa, purificandola per mezzo del lavacro dell’acqua accompagnato dalla parola,
al fine di farsi comparire davanti la sua Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata.
Così anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo, perché chi ama la propria moglie ama se stesso.
Nessuno mai infatti ha preso in odio la propria carne; al contrario la nutre e la cura, come fa Cristo con la Chiesa,
poiché siamo membra del suo corpo.
Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà alla sua donna e i due formeranno una carne sola.
Questo mistero è grande; lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 6,60-69.


In quel tempo, molti tra i discepoli di Gesù, dissero: «Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?».
Gesù, conoscendo dentro di sé che i suoi discepoli proprio di questo mormoravano, disse loro: «Questo vi scandalizza?
E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima?
E’ lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che vi ho dette sono spirito e vita.
Ma vi sono alcuni tra voi che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito.
E continuò: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre mio».
Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui.
Disse allora Gesù ai Dodici: «Forse anche voi volete andarvene?».
Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna;
noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Santi del giorno

Madonna di Cz?stochowa (Madonna Nera), Polonia
S. Alessandro di Bergamo, martire (? 303)
S. Mariam di Gesù Crocifisso, carmelitana scalza (1846-1878)
B. Maria Corsini, vedova L. Beltrame Quattrocchi (1884-1965)
B. Zeffirino Namuncurà, aspirante salesiano (1886-1905)
B. Domenico Barberi, sacerdote C.P. (1792-1849)
S. Melchisédek, re di Salem e sacerdote del Dio altissimo
S. Massimiliano di Roma, martire (? sec. inc.)
S. Anastasio il lavandaio, martire (? sec. inc.)
S. Vittore, martire a Cesarea di Mauritania (? sec. III/IV)
S. Éleuthère (Eleuterio) di Auxerre (F), vescovo (? s. VI)
B. Jacques Retouret di Limoges, sac. e martire (1746-1794)
S. Jeanne-Élisabeth Bichier des Âges, fondatrice (1773-1838)
S. Teresa di Gesù Jornet Ibars, vergine e fond. (1843-1897)
B. Ambrosio de Benaguacil, sac. O.F.M. Cap. e m. (1870-1936)
B. Pedro de Benisa, sac. O.F.M. Cap. e martire (1876-1936)
B. Félix de Torelló (E), religioso SDB e martire (1911-1936)
B. Lorenza (Leucadia) Harasymiv, virgo e martire (1911-1952)
SS. Liberato e sei compagni, martiri (? sec. IV)
BB. Fidela Oller, Josefa, Facunda, suore e martiri (? 1936)