Liturgia del 27 Agosto 2018

 
 

Lunedì della XXI settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi 1,1-5.11b-12.


Paolo, Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicesi che è in Dio Padre nostro e nel Signore Gesù Cristo:
grazia a voi e pace da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo.
Dobbiamo sempre ringraziare Dio per voi, fratelli, ed è ben giusto. La vostra fede infatti cresce rigogliosamente e abbonda la vostra carità vicendevole;
così noi possiamo gloriarci di voi nelle Chiese di Dio, per la vostra fermezza e per la vostra fede in tutte le persecuzioni e tribolazioni che sopportate.
Questo è un segno del giusto giudizio di Dio, che vi proclamerà degni di quel regno di Dio, per il quale ora soffrite.
Anche per questo preghiamo di continuo per voi, perché il nostro Dio vi renda degni della sua chiamata e porti a compimento, con la sua potenza, ogni vostra volontà di bene e l’opera della vostra fede;
perché sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi e voi in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo.

Salmi 96(95),1-2a.2b-3.4-5.


Cantate al Signore un canto nuovo,

cantate al Signore da tutta la terra.
Cantate al Signore, benedite il suo nome.

Annunziate di giorno in giorno la sua salvezza;
In mezzo ai popoli raccontate la sua gloria,

a tutte le nazioni dite i suoi prodigi.

Grande è il Signore e degno di ogni lode,

terribile sopra tutti gli dei.
Tutti gli dei delle nazioni sono un nulla,

ma il Signore ha fatto i cieli.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 23,13-22.


In quel tempo, Gesù parlo dicendo: “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate,
e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci .
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.
Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l’oro del tempio si è obbligati.
Stolti e ciechi: che cosa è più grande, l’oro o il tempio che rende sacro l’oro?
E dite ancora: Se si giura per l’altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, si resta obbligati.
Ciechi! Che cosa è più grande, l’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta?
Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra;
e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l’abita.
E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.”

Santi del giorno

S. Monica, madre di S. Agostino (331-387) – memoria –
B. María Pilar Izquierdo Albero, vergine, fondatrice (1906-1945)
B. Angelo da Foligno, sacerdote O.E.S.A. (1226-1312)
B. Domenico Barberi, sacerdote C.P. (1792-1849)
S. Rufo, martire a Capua in Campania (? sec. III/IV)
SS. Marcellino con moglie, figlio e compagni,martiri (? 303)
S. Narno, 1° vescovo di Bergamo (? ca. 345)
S. Poemen, abate e anacoreta in Egitto (? ca. 450)
S. Lizier (Licerio), vescovo in Aquitania (F) – (? ca. 450)
S. Cesaire (Cesario) di Arles (F), vescovo (ca. 470-543)
S. Giovanni di Pavia, vescovo (? ca. 825)
S. Gebardo di Costanza (CH), vescovo (? 995)
S. Guérin (Guarino) di Sion (CH), vescovo (? 1150)
S. Amédée (Amedeo) di Losanna (CH), vescovo (? 1159)
B. Roger (Ruggero) Cadwallador, sac. e martire (? 1610)
BB. Francesco di S. Maria e 14 compagni, martiri (? 1627)
S. David Lewis, presbitero S.J. e martire (1616-1679)
B. Jean-Baptiste Guillaume, religioso e martire (1755-1794)
B. Jean-Baptiste Souzy, presbitero e martire (1732-1794)
B. Fernando González Añón, presbitero e martire (1886-1936)
B. Ramón Martí Soriano, presbitero e martire (1902-1936)